Dal mondo — 5 maggio 2013 15:27

7 Celebrità prima e dopo Photoshop. Ecco le foto dell’orrore che infrangeranno i vostri sogni

Di

Togliamoci subito il pensiero, via. La prima opera si chiama celebrità a Photoshop e rappresenta una tale Katy Perry che, probabilmente, voi ricorderete come una gnocca che spara panna montata dai capezzoli.

Se le incontrassi per strada non daresti loro un euro (o forse giusto quello, per comprare il pane). Poi però, quando appaiono sulle copertine dei tabloid, in infuocati videoclip o nelle più romantiche delle commedie di Hollywood, con le loro pelli toniche, dei bicipiti che levati e dei seni che puntano al cielo, quasi a voler salutare il dio che li ha disegnati, non ti resta che dire “ciumbia! Che strafighi!”. Sono le superstar più apprezzate della Terra ma senza l’aiuto di un bravo art director apparirebbero esattamente come mia zia Anna, senza trucco,  dopo 2 ore di Zumba. 

Mi spiace infrangere i vostri sogni (per lo più erotici) ma qualcuno deve pur farvi vedere l’amara verità. Strappate pure i poster appesi in camera perché i volti che avete sempre visto sono il risultato di un buon lavoro di timbro clone e un ottimo regolatore di luminosità.
Signore e signori, ecco quello che Photoshop ha sempre nascosto e che io, adesso rivelo al mondo.

britney spears photoshop

kate moss photoshop

krysten stewart Photoshop

madonna Photoshop

megan fox Photoshop

jhonathan rhys meyers

 

Potrebbero interessarti anche:

I 6 buchi giganti della Terra: un viaggio spettacolare. Guardali
Ecco il video del cane con le braccia. Dudley mangia, si veste e si lava i denti
(Video) Esplode la vasca degli squali, tsunami dentro un centro commerciale
Shangai: muoiono facendo l’amore e il “The Sun” pubblica la foto shock
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Un commentu su “7 Celebrità prima e dopo Photoshop. Ecco le foto dell’orrore che infrangeranno i vostri sogni

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*