Cronaca — 28 febbraio 2013 18:23

Allarme cinema 3D, indaga la procura di Roma: gli occhiali sono pericolosi, ecco perché e come usarli

Di

Lanciarsi a volo d’angelo nei burroni di Pandora, domare la tempesta di una nave alla deriva, volare con un vecchio e un boyscout attaccati a dei palloncini. Quante ne avete fatte voi e i vostri occhiali eh? Vedere un film tridimensionale è molto avvincente, entusiasmante e ci aggiungerei anche pericoloso: gli occhiali 3D, infatti, sono finiti sotto accusa. Di nuovo.
Quanti di voi ne hanno visto almeno uno? Quanti hanno fatto la prova a vedere lo schermo con gli occhiali e senza? Con un occhio chiuso e uno aperto? E quanti si sono guardati intorno per vedere se qualcuno osservava provando un forte e profondo imbarazzo?
Parlo di te! So che l’avrai fatto, almeno una volta nella vita.

Certo vedere un film in 3D è bello, ma ci sono stati diversi casi in cui gli spettatori hanno avvertito nausea, bruciore agli occhi e mal di testa. Alice rimane felice e contenta nel suo Wonderland, mentre a tornare a casa con questi sintomi è il pubblico.
Dopo l’esposto di qualche mese fa da parte delle associazioni di consumatori, è emerso che la principale pericolosità degli occhiali è legata al materiale con cui sono stati realizzati e all’utilizzo improprio che se ne fa. Finita sotto accusa una delle quattro ditte principali che fornisce gli occhiali alle sale cinematografiche, una fabbrica giapponese.

La procura di Roma, in particolare, fa riferimento al caso di una bambina milanese che, nel 2010, dopo aver visto dei cartoni animati in 3D, riportò una fortissima infiammazione all’occhio sinistro riscontrata dai medici del pronto soccorso. Ci sono voluti diversi trattamenti al cortisone per far sgonfiare l’occhio, diventato grande come una noce.
In attesa di comprendere il danno reale che tali occhiali possano portare all’uomo, è bene che lo spettatore si attenga alle avvertenze fornite dal personale di sala. 

Gli occhiali devono essere monouso e devono riportare il marchio CE. È inoltre vietato l’utilizzo ai bambini di età inferiore a 6 anni, anche se si sta valutandola possibilità di abbassare l’età a 3.
In attesa di risposte, non è meglio guardare le avventure di Pinocchio o godere delle meraviglie di Pandora senza dover scansare la testa per l’iceberg del Titanic che sta per traforarti la testa?

Potrebbero interessarti anche:

Torna da "C'è posta per te" e si suicida
Mafia e talent show: voti truccati per una concorrente di "Ti lascio una canzone". capocla...
"Ruba" bambina dal carrello e le punta coltello. Poliziotto spara in un supermercato - VID...
Puglia: bimba di 11 anni tra poco mamma, la nonna ne ha 24 e il papà...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*