Tv — 5 aprile 2013 17:13

Amici, parla Maria: la registrazione, i costi, il futuro e la fine dello speciale del sabato. Tutte le risposte

Di

Questa mattina, in vista della prima puntata del Serale di Amici (in onda domani sera ma registrata già sette giorni fa), si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di Amici. A tenere banco è stata, manco a dirlo, Maria De Filippi, la “conduttrice manager”, come è stata definita dal direttore di rete. Tanti sono stati gli argomenti trattati durante l’incontro con i giornalisti (seguito in diretta da Tv Blog), ecco una breve sintesi su quello che dovremmo aspettarci nel nuovo Amici.

LEGGI ANCHE: PUBBLICO INFURIATO CONTRO AMICI: “SIETE VERGOGNOSI”. MIGLIAIA GLI ABBANDONI.

SPENDING REWIEV
La nuova edizione di Amici pare essere all’insegna del risparmio
(“è un anno particolare, vista la crisi è già tanto esserci” dice Maria De Filippi). Per il nuovo serale è andata via l’orchestrona da 42 elementi diretta da Vessicchio (elemento portante delle passate edizioni) e i cantanti dovranno cantare su base registrata. Via anche la finale all’Arena di Verona (per un risparmio da 750mila euro) e anche la prima fase di Day Time (quella che solitamente andava in onda da Settembre e Dicembre e che invece non abbiamo visto quest’anno).

LA FINE DELLA DIRETTA
L’idea di registrare è nata fin dall’inizio. Emma e Bosè fanno la scaletta in diretta e il programma, quindi, può allungarsi e rallentarsi con pesanti tempi morti (basti pensare che nella prima puntata Fabri Fibra e Paoli entrano dopo le 24). Il progetto era quello di registrare il sabato pomeriggio per andare in onda qualche ora dopo (con minor possibilità di incappare in spoiler) invece Pubblitalia ha spinto affinché Amici slittasse di una settimana, gli ospiti erano già fissati e così si arriva alla differita di 7 giorni. Domani pomeriggio si registrerà la seconda puntata.

LO SPECIALE DEL SABATO
Domani ultimo speciale del sabato alle 14.10 con un montaggio ad hoc. Poi fine dell’appuntamento. Continuerà solo #LaScimmia dopo il Tg5.

LA MORTE DEL TELEVOTO
La De Filippi paragona il televoto al fumo della sigaretta (“all’inizio devi fornire tutto l’elenco dei danni, una pantomima assurda”). Poi prosegue: “Se voi che scrivete non ci credete più, se Sanremo deve invitare una giuria di qualità per calmierare il televoto…. allora mi sono chiesta perché devo continuare col televoto?”.

Potrebbero interessarti anche:

Ufficiale: Arisa lascia X Factor e fa i nomi su Facebook
Belen scoppia e si scaglia sui paparazzi. Arrivata mamma Veronica, già decisa la data del parto
I 10 telefilm più visti quest'anno. Ecco i successi che rivedremo in autunno su Italia1 e Raidue
Lutto in casa Griffin, muore uno dei protagonisti della serie. Ecco il video
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*