Sport — 27 agosto 2012 16:07

Arbitro trafitto alla gola da giavellotto. Atleta sotto choc, in 8 dallo psicologo

Di

Il destino? Tutte stupidaggini! La fatalità? Roba per presunte chiromanti. Eppure dinanzi a certe storie è impossibile non fermarsi a riflettere e farsi due domandine. Questa è una di quelle vicende che vanno sotto la voce “trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato”: Dieter S., appassionato di atletica leggera e arbitro di questa disciplina, è stato trafitto alla gola da un giavellotto e ha perso la vita.
Accadeva a Dusseldorf, in Germania, durante il “Wilhelm Unger”, un appuntamento giovanile dell’atletica tedesca che quest’anno, manco a dirlo, ha fatto grandissimi numeri: oltre 800 spettatori, un record per un evento di questa portata.

Si tratta di errore umano o di assurda fatalità? Secondo le prime ricostruzioni, a prendere piede è la prima ipotesi. Dieter infatti, si sarebbe mosso dalla sua postazione, per effettuare la misurazione di rito, troppo presto. Un gesto affrettato che è durato pochi istanti, nemmeno il tempo di prendere le giuste distanze o rendersi conto delle proporzioni. Il giavellotto ha trafitto la carotide dell’uomo che è stato immediatamente soccorso e trasferito all’ospedale universitario cittadino. Troppo sangue perso, inutile persino un’operazione. L’uomo non ha superato la notte e ha perso la vita poche ore dopo.

Inutile dire che l’intera platea si è ritrovata sotto choc. Ben otto persone si sono dovute rivolgere immediatamente ad uno psicologo, tra queste, anche il diciassettenne atleta lanciatore, completamente traumatizzato e paralizzato dall’avvenimento.
Una storia assurda che diventa paradossale se ci si volta indietro. Gli incidenti durante il lancio del giavellotto hanno infatti dei precedenti. Uno di questi persino in terra italiana, a Roma per l’esattezza, durante il Golden Gala di cinque anni fa.
A farne le spese, quella volta, era stato il saltatore francese Salim Sdir, colpito al rene destro dall’attrezzo scagliato dal campione finlandese Tero Pitkameki.

Potrebbero interessarti anche:

L'Inter spiava Vieri. Il calciatore risarcito con 1 milione. "Ho subito danni psicofisici"
Segna un gol e poi muore. Calciatore svedese stroncato in campo.
23enne finisce in ospedale dopo notte d'amore con Ibarbo: "dimensioni eccessive". La stori...
Gambe incontrollabili si bloccano a pochi metri dal traguardo. Il dramma dell'atleta in un video sho...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*