Cronaca — 20 marzo 2013 19:00

Arriva Kush, il separatette. Ansia da “seno moscio” e istinti omicidi

Di

“Siamo donne, oltre le gambe c’è di più” cantavano qualche anno fa Jo Squillo e Sabrina Salerno, mille interpretazioni su quel “di più”, ma mai avremmo pensato a “Kush, il separa-tette”. Brevettato dall’azienda americana “Big Boobed Snooki”, Kush è un nuovo prodotto destinato alle donne maggiorate. Di forma cilindrica, va posizionato in mezzo ai seni per tenere “vivace” il proprio decolletè.

Già qualche anno fa era stato lanciato sul mercato un prodotto simile: il “reggiseno anti-rughe”. Ideato dalla 50enne Rachel De Boer questo speciale reggiseno è stato creato per evitare, o per ridurre, la formazione delle rughe nella parte superiore del seno dovute al peso.

E’ obbligatorio indossare entrambi i reggiseni di sera, prima di andare a dormire (dovrebbe essere anche obbligatorio essere single).
In ogni modo si tratta di una idea alternativa alla chirurgia estetica o all’utilizzo di creme molto costose.
In attesa di scoprire se queste nuove invenzioni prenderanno piede (anzi seno) nel nostro Paese, gli uomini incominciassero ad abituarsi all’idea.
Le uniche a gioire per questa nuova invenzione sono le donne con cui madre natura è stata meno generosa. Nessun separa-seno per loro, ma al massimo un reggiseno imbottito per mantenere alto il proprio charme. Un brindisi alle fortunate quindi, ovviamente utilizzando solo coppe di champagne.

Nel frattempo le donne si spaccano in due (anche se sarebbe meglio dire, si separano): c’è chi vede nel separatette la panacea di tutti i mali (finalmente vià l’ansia da seno moscio, semmai fosse una sindrome esistente) e c’è chi vuole commettere un omicidio e uccidere l’inventore: “soffochiamolo!” dice Selvaggia Lucarelli. Ma come? Cuscini?

Potrebbero interessarti anche:

Mediaset denuncia Travaglio e “Il Fatto” ma finisce per pagare i danni. Il tribunale: “è avversione ...
Addio a Papa Ratzinger. E ora?
Elezioni: exit poll e proiezioni in tempo reale. Ecco chi sta vincendo
Ecco come non farsi fregare dai benzinai (secondo il Ministero)
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*