Tv — 17 settembre 2012 13:20

“Belen non ha più una lira”. Rodriguez e Di Martino in crisi (economica)

Di

Questa è una storia triste.
E’ la storia di una donna che deve accontentarsi di un solo mese a Formentera, una donna che ha chiuso coi resort luxury e che per pagare l’affitto deve spaccarsi il deretano per quasi due ore in discoteca. Per cosa poi? Poche migliaia di euro. Roba da perderci il sonno.
Belen si è rivolta ad un agente specializzato per le serate in discoteca perché ha bisogno di soldi”. A riverarlo è Fabrizio Corona durante un’intervista.
“Ti assicuro che non ha mai avuto redditi così alti, anche se non ho mai guardato nelle sue tasche, come lei non guardava nelle mie. Fidanzarsi con Di Martino le ha procurato un danno di immagine, ma tanto lei  non è attaccata ai soldi. Certamente vicino a me ha avuto una visibilità che è cresciuta di giorno in giorno, in maniera esponenziale”.
Una vita di stenti quindi per la coppia che invece, contrariamente a quanto afferma Cor0na, vorrebbe mettere su famiglia.
Secondo quanto riportato dalla copertina di un famoso settimanale, infatti, ci vorrebbero “solo” dieci anni. Perchè non cominciare a stampare le partecipazioni?
D’altronde, la costanza di Belen in campo di relazioni sentimentali è ben nota. E guai a dirle che non funzionerà perchè c’è troppa differenza di età!
“Non vedo Stefano come un toy boy” dice la Rodriguez. “Ci sono solo quattro anni di differenza e non li sento affatto”.
Ma in fondo per la Rodriguez il tempo è relativo. Un pò come questo post…

 

Potrebbero interessarti anche:

Valerio Scanu intervistato: “Sei gay si o no?”. Ecco la risposta
Belen Rodiguez "conquista" Striscia la Notizia. Ezio Greggio alla porta?
Glee 5: Finn non morirà per overdose. L'episodio tributo tra una settimana, ecco che succederà
Rissa a Uomini e Donne: botte "fashion" tra i tronisti Aldo e Tommaso
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*