Cronaca — 4 luglio 2013 13:15

Carabinieri scoprono verità su Sara Tommasi e chiudono il caso. Arrestati “gli aguzzini”

Di

Snella come una diva dell’eros e rapida come un amante affetto da eiaculazione precoce. È così che sogniamo la giustizia italiana. E invece i Carabinieri hanno arrestato solo oggi “gli aguzzini” di Sara Tommasi, centinaia di migliaia di download dopo. Già, i download di “Confessioni Private” il primo film “d’autore” by Sara Tommasi… e ammettetelo che l’avete visto anche voi!

Leggi anche: l’imbarazzante video rapper di Sara Tommasi. Guardalo qui

La Sara Tommasi lo aveva detto: “mi hanno drogata e costretta” ma poi, gli spogliarelli nelle fontane e nei parchi pubblici, la continua mancanza di biancheria intima e l’uso improprio di Twitter le avevano dato poca credibilità. E invece le indagini dei militari dell’arma, con tanto di intercettazioni, hanno evidenziati come il produttore e l’organizzatore del film, approfittando della fragilità psicologica della ragazza, la convinsero nel Settembre 2012 a girare le scene spinte di “Confessioni Private”. Correva l’anno 2012 e i due, in quell’albergo di Buccino (Salerno) le somministrarono della droga.

Le due persone sono state arrestate dai carabinieri che hanno sequestrato la pellicola. Smettetela quindi di cercare, non troverete più nulla. Solo Sara Tommasi nuda di fronte al bancomat, nella fontana di Gardaland, in un parcheggio di un ristorante, sul divano di casa sua, negli scatti di Facebook, condivisi su Instagram e riportati su Twitter. Ma nient’altro. Non una tetta in più.

Potrebbero interessarti anche:

La vita di un grillino al parlamento: pranzi da casa al posto del ristorante e bici invece delle aut...
Bancario romano impiccato, porta bloccata da un paletto. Forse un tragico gioco erotico
“Ti uccido, ti stupro, morirai affogata nella mia urina”. Minacce e foto di cadaveri nel pc di Laura...
How I met your mother umilia Silvio Berlusconi. Guarda il video
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*