Sport — 9 febbraio 2013 14:00

Ciclismo choc: Mario Cipollini era drogato, “doping in quantità impressionante”. Ecco le carte che lo inchiodano

Di

Dopo la confessione choc del ciclista Armstrong alla Winfrey, ecco arrivare un’altra pesantissima batosta che piomba dritta nell’olimpo del ciclismo. Mario Cipollini, campione del mondo, vincitore di 42 tappe del Giro d’Italia e 12 Tour de France sarebbe stato dopato.
Le prove schiaccianti arrivano direttamente dalla “Gazzetta dello Sport” che pubblica in esclusiva i documenti e le carte che inchioderebbero “Il Re Leone”.

In alcune tabelle del 2002 figurerebbe il numero di fax di Cipollini, nella carta della Guardia Civil Spagnola il discusso medico Fuentes avrebbe più volte citato Cipollini con il soprannome di Maria. Secondo la Gazzetta, mese dopo mese, Mario Cipollini avrebbe assunto quantità impressionanti di ormoni, anabolizzanti e soprattutto EPO, la droga tanto discussa ai tempi dello scandalo Alex Shwarzer.

Il 2002 è stato l’anno del campione Cipollini: 6 tappe vinte al giro, 3 alle Vuelta, poi il trionfo al campionato del mondo, ora però ci sono accuse gravissime e Cipollini si trincera dietro un blindatissimo silenzio stampa.
La questione è sempre la stessa: secondo lo stesso Armstrong sarebbe impossibile raggiungere certi risultati senza doping. Perchè non abbassare gli standard allora?

Potrebbero interessarti anche:

1500€ per la dose in Turchia. Tutto sull’EPO, Il doping di Alex Schwarzer
Segna un gol e poi muore. Calciatore svedese stroncato in campo.
Gambe incontrollabili si bloccano a pochi metri dal traguardo. Il dramma dell'atleta in un video sho...
Il video del rugbista che morde i genitali dell'avversario
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*