Cronaca — 5 dicembre 2012 15:10

Colpo di scena al processo Scazzi. Michele Misseri: “ho ucciso Sarah, mentivo perchè ero drogato, quel giorno stavo per morire”

Di

Ennesima puntata del Sarah Scazzi Show quella di oggi, e per quanto possa risultare cinica o di cattivo gusto questa prima frase, in realtà è l’esatta verità. Avete visto il film di Amanda Knox lunedì sera su Canale 5? Se lo avete fatto non credo che troverete troppe differenze in merito a spettacolarizzazione e sensazionalismo. Tante telecamere, troppa morbosità, ma, alla fine della fiera, la domanda resta sempre la stessa: ma chi l’ha uccisa sta povera anima?

Michele Misseri, l’uomo delle contraddizioni, ha cambiato nuovamente versione. La sua deposizione nella nuova udienza del processo per l’omicidio di Sarah Scazzi ha ribaltato nuovamente le carte in tavola. “Mi dispiace che Sabrina si sia sacrificata per me” ha detto tra le lacrime. E alla domanda “come mai quando gli inquirenti le hanno fatto alcune durante il sopralluogo la versione era ben diversa” Misseri insinua di essere stato “drogato”, sotto effetto di psicofarmaci somministrati durante la permanenza in carcere.

Misseri ricostruisce quel tragico 26 Agosto 2010 fin dalle prime ore dell’alba: una visita al Consorzio per acquistare dell’olio, poi un passaggio in banca per depositare un assegno, fino a quel garage degli orrori. “Sarah era dietro di me – ha dichiarato Michele Misseri – mi ha chiesto come mai stessi gridando ma io non ho capito cosa volesse, mi stava dando fastidio”. Il racconto poi si arricchisce di macabri dettagli, dalla corda al compressore, che noi non vi forniremo.

Un altro dettaglio, altrettanto inquietante, emerge dalla deposizione di Misseri: “quel giorno avevo un forte mal di testa, stavo per avere un incidente con la macchina, non so nemmeno come sono riuscito a rimettermi in carreggiata. Peccato, la bambina si sarebbe salvata”.

Una dichiarazione che lascia tutti sconcertati, compreso Armando Amendolito, avvocato di Misseri, che decide di abbandonare il suo assistito le cui affermazioni “non collimano con la linea difensiva”.
Nella prossima puntata: chi difenderà adesso zio Michele?

Potrebbero interessarti anche:

Adriano Celentano e i suoi piani per salvare il Paese. Ecco la lettera a Bersani che mette sotto sca...
Bersani in corsa per un modello siciliano a Roma. Due giorni per trovare la quadra
Texas: mamma strappa lo scroto al figlio e usa l'attack per incollarlo. La storia dal Mirror
Canone Rai, se hai queste caratteristiche non lo paghi. Lo scopre un signore per caso: "Nessuno...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Un commentu su “Colpo di scena al processo Scazzi. Michele Misseri: “ho ucciso Sarah, mentivo perchè ero drogato, quel giorno stavo per morire”

  1. angela on said:

    ma dico,ancora questo squilibrato di Misseri è libero?perchè non lo chiudono o in carcere o in manicomio,come si può far parlare un demente di questo genere?E’ vergognoso anche per i giudici continuare ad ascoltare questo pazzo,esaltato,non ci sono scusanti per questo individuato,ormai è palese:la Sara è stata uccisa dalla cugina e dalla zia,allora zittite questo demente,chiudetelo in carcere e buttate le chiave della cella,ci ha stancati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*