Cronaca — 19 luglio 2013 17:54

Condannati! 7 anni a Emilio Fede e Lele Mora, 5 a Nicole Minetti

Di

Li hanno condannati. Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti, 19 anni in tre. Un “quasi ventennio” donato loro dal tribunale di Milano nell’ambito del processo sul caso Ruby. Ma vediamo nel dettaglio.
Lele Mora: favoreggiamento e induzione alla prostituzione e alla prostituzione minorile. Per lui 7 anni e l’ interdizione perpetua dai pubblici uffici.
Emilio Fede: favoreggiamento e induzione alla prostituzione di maggiorenni, assolto per il reato di induzione alla prostituzione di Ruby. Anche per lui l’interdizione dai pubblici uffici a vita e 7 anni di carcere.
Nicole Minetti: favoreggiamento alla prostituzione. Assolta da 3 reati su 4 la Minetti si dichiara “soddisfatta ma stupita per l’eccessiva pena”: 5 anni di interdizione e di prigione.

Chiara, Ambra e Imane: le tre ragazze, una marocchina e due ex miss Piemonte, si erano costituite parte civile. “Avevamo una paura assurda di parlare”, “eravamo quattro gatti contro un esercito”, “finalmente ho di nuovo la mia dignità” questo quanto dichiarato dalle tre ragazze. ”Comunque decida la corte – ha detto Emilio Fede –  ho dato mandato al mio legale di procedere per calunnia aggravata nei confronti di Chiara Danese, Ambra Battilana e Imane Fadil”.
Intanto eccoli i 7 anni di guai, e nemmeno uno specchio rotto. La condanna dei tre arriva 26 giorni dopo la condanna del quarto, Silvio Berlusconi. Poker d’assi.

Potrebbero interessarti anche:

Altroconsumo scopre l'inganno della minestra Star. Ecco cosa c'è dentro davvero
Bancario romano impiccato, porta bloccata da un paletto. Forse un tragico gioco erotico
Vendola corteggia Campanella, il "grillino traditore", ed è subito polemica. L'onorevole p...
Fine di un'era: ecco i 9 giornali che non leggerete mai più. Intanto arriva Giallo, il trash che si ...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*