Musica — 22 febbraio 2013 18:00

Doppia accusa di plagio per Elio e le Storie Tese. La canzone mononota somiglierebbe a questi due pezzi. Ascoltali

Di


È da sempre l’incubo degli studenti quello di copiare e temere di essere “beccati”. Ma è un timore che accade sempre più spesso anche tra gli artisti, musicisti in primis.
La differenza è che se lo studente viene scoperto si porta a casa un voto basso (quanti hanno confuso la propria pagella di fine anno con una schedina del totocalcio?), invece se accade agli artisti, aumentano i click e le ricerche in rete per scoprire la verità (se non vedo non credo).
Si è concluso da poco il Festival di Sanremo, ma se le note si sono già perse nell’aria al polline della città dei fiori, le critiche e le accuse restano invece belle presenti. L’ultima sollevata è quella di plagio nei confronti della “Canzone Mononota”, di Elio e le storie tese, vincitrice del premio della critica, primo posto per la giuria di qualità, secondo per il pubblico da casa, super trasmessa in radio e in lizza per portarsi a casa una mountain bike cambio shimano.
Il noto conduttore televisivo Enzo Iacchetti fa notare, tramite la sua pagina facebook, la somiglianza della canzone degli “Elii” con una canzone del 1998 cantata e registrata dalla Witz orchestra, con la partecipazione dello stesso presentatore per il programma andato in onda su Canale 5.
Ecco la canzone a cui si sarebbero ispirati gli Elii.

Ma la canzone di Enzo Iacchetti non è la sola a suonare un pò “mononota”. In rete girano alti pezzi da cui gli Elii avrebbero tratto improbabili ispirazioni. Una di queste appartiene al gruppo dei “Powerillusi”, torinesi, dal rock demenziale o cabarock (come amano definire il loro genere).
Date un’occhiata, anzi, un’orecchiata…

In attesa di scoprire la verità, una cosa è certa, la Canzone Mononota non ha proprio nulla di monotono! Che ve ne pare, notate le somiglianze?

 

Potrebbero interessarti anche:

Va a fuoco l'aereo di Marco Mengoni. Il cantante racconta su Rai2
Paola e Chiara si dicono addio. Annunciata la separazione ufficiale
Leiner di X Factor è il nuovo cantante dei Dear Jack: cresce il sound e calano gli ormoni?
Inediti di X Factor: ecco quelli di Maneskin, Ros e degli altri concorrenti
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

7 commenti su “Doppia accusa di plagio per Elio e le Storie Tese. La canzone mononota somiglierebbe a questi due pezzi. Ascoltali

  1. Alessandro on said:

    Ma perché chi non sa niente di Musica si ostina a voler esprimere pareri musicali? E’ semplicemente assurdo paragonare questi brani tra loro. Sono troppe le differenze per stare qui ad elencarle, e tali differenze non sono l’oggetto della discussione dato che sono indiscutibili. L’oggetto della discussione è la competenza di chi scrive queste assurdità. Fate altro.

  2. ma stiamo scherzando o cosa?spero per voi che non siate musicisti,perchè paragonare quelle due canzonacce alla maestria compositiva della canzone mononota è un insulto…il pezzo punta tutto sull’ arrangiamento mostruoso,cambi di accordi,di velocità,parti di basso e di orchestra di fattura elevatissima.ce ne vuole di coraggio per parlare di plagio.se poi si vuol discutere sulla ”mononota” con la quale è cantato,bè han plagiato tutti dato che è un espediente musicale che deriva addirittura dai canti gregoriani fino ad arrivare a rossini.è la qualità musicale a fare la differenza

  3. gaetano on said:

    Palman Luca io ho riportato quello che è su internet e varie dichiarazioni rilasciate, il mio parere è uguale al tuo :)

  4. Palman Luca on said:

    Nella stessa canzone di Elio e le storie tese, dicono che una canzona fatta usando una nota sola non è la prima volta che appare, quindi non è una novità… ma come dice la canzone stessa, basta cambiare la velocità, il tono, l’ottava o altre migliaia di particolarità che riescono a rendere unica ogni canzone… in fondo le note sono 7, e le canzoni sono miliardi… ci sarà un perchè… è impossibile non trarre ispirazione da ciò che ci circonda… ma parlare di plagio mi sembra in questo caso un pò eccessivo, perchè immagino che come al solito risulterebbe arduo ai più riuscire a copiare la canzone mononota, come era assolutamente impossibile copiare la terra dei cachi (ricordo che l’orchestra quell’anno si è rifiutata di farla perchè ci sarebbero volute troppe ore di prove per farla bene e loro l’hanno riproposta al triplo della velocità)…
    Per quanto riguarda “let it be”… una cover è una cover… se volete chiamare plagio una cover… fate pure…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*