Cronaca — 30 aprile 2013 15:42

Ecco come non farsi fregare dai benzinai (secondo il Ministero)

Di

Vita dura per i benzinai (beh, si forse è un po’ esagerato) ma almeno un po’ di ordine e disciplina. Basta con i cartelloni che al posto del prezzo della vecchia benzina Super scrivono “Ciao”, finiamola con il risparmio del millesimo di euro cercato per tutta la città, stop alle finte promo scontate che ci mettono in pace con noi stessi ma che si rivelano inganni fenomenali. Il ministero dello Sviluppo Economico ha detto “no” e ha imposto nuove rigide regole per i cartelloni da esporre.

Tutti i prezzi dovranno essere chiari e precisi. I carburanti dovranno essere esposti secondo il rigido ordine gasolio, benzina, gpl, metano. La terza cifra decimale dovrà avere risalto minore (forse un apice o una pendice) allo scopo di mettere in risalto le altre due, decisamente più importanti per un confronto. E infine due diversi tabelloni per il servito e il fai da te e stop a sconti palesati che traggono in inganno il consumatore.

Per quanto riguarda il prezzo, beh, non cambierà una beata mazza. Vi servirà ancora una carta platinum per il pieno. Ah, dimenticavo. Le rigide regole saranno ufficialmente in vigore per tutti tra due anni. Nel frattempo i cartelloni dei prezzi continueranno a salutarvi.

Potrebbero interessarti anche:

Belluno: trova topo morto nel latte. L'azienda: "lo dimostri!" (Foto)
"Berlusconi mi paga 2500 euro al mese. Non sono una prostituta"
Bersani in corsa per un modello siciliano a Roma. Due giorni per trovare la quadra
La giornalista che risponde a Berlusconi in mezzo al TG. Gaia Tortora difende il padre (VIDEO)
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*