Web — 30 marzo 2014 12:24

Fammi vedere il pene per beneficenza. Le foto di Cock in a Sock che fanno impazzire i social

Di

Il modo migliore per far campagne di beneficenza, specie sui social,  è quello di far leva sul narcisismo (in alcuni casi ossessivo) che c’è dentro ognuno degli utenti di Facebook e Instagram (si, anche tu, togliti di dosso quell’aria da radical chic de sta ceppa).
Quale campagna avrà più successo? “Manda un sms al 44444 per donare 2 euro” o “Guarda questi che c’hanno il pisello di fuori?!”. Manco a dirlo.

Si chiama “cock in a sock” e la filosofia è questa: “dammi dei soldi e io ti faccio vedere il pene”. Si, sembra la frase che potrebbe rivolgerti Priscilla dopo mezzanotte al porto ma in realtà dietro c’è una campagna di sensibilizzazione alla prevenzione del cancro ai testicoli. Così, uomini di tutte le razze ma con la costante di essere sempre degli strafighi da combattimento (e qua torniamo al narcisismo di cui sopra) hanno infilato il loro pene in un calzino (in stile Red Hot Chili Peppers) e ci sono andati giù di selfie.

Certo, le domande ci sono eccome:  Qual’è il nesso tra queste foto e il tumore ai testicoli? Ad esempio o perché se si parla di testicoli l’attenzione è tutta sul pene? In ogni caso l’effetto virale è assicurato e se l’effetto voleva essere “purchè se ne parli” ci faremo star bene pure sta campagna del cazzo.

A proposito, eccovene alcuni. Gli altri li trovate sulla fan page Cock in a sock.

Potrebbero interessarti anche:

Like a Hug: la prima giacca connessa a Facebook che ti abbraccia quando ricevi un "Mi Piace&quo...
Lui è la peggiore persona dei social network. Scopri perché il mondo odia il piccolo Lavish
La ragazza che prende fuoco mentre balla. Il video virale gira la rete e i social la seppelliscono
Il cartone animato che ha scioccato e imbarazzato gli Usa. Ecco come torturano i detenuti di Guantan...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*