Cronaca — 8 maggio 2013 14:27

How I met your mother umilia Silvio Berlusconi. Guarda il video

Di

Come se non bastassero i processi in corso e le trattative di un governo più instabile della dentiera di Napolitano, Silvio Berlusconi deve preoccuparsi anche di una sit com americana. Anzi, la sit com americana. How I met your mother è infatti la serie televisiva con risate preregistrate di maggior successo dopo Friends. Vi basti questo per capire quanto importante sia quello che si dice nei dialoghi surreali dei protagonisti e quanta eco questi abbiano nell’intero Pianeta.
In Italia siamo ancora alla settima stagione ma negli Usa va in onda l’ottava. Nella puntata di lunedì scorso, infatti, è arrivato lo sfottò al nostro ex presidente del Consiglio.

L’occasione è data dal trasloco in Italia di Lily, una dei protagonisti. Ted, l’amico che la aiuta, si riferisce a una vecchia sedia che l’amica doveva portare con se ma la risposta che gli viene data è: “Ted l’Italia non ha bisogno di una cosa rugosa, rossa, con delle crepe e che puzza di alcol e droga. In Italia hanno già l’ex Presidente del Consiglio Silivio Berlusconi”.
Molto bene!

E pensare che non è la prima volta che una sit come piglia per il… parrucchino il Berlusca. Anche New Girl, meno di un anno fa si era scagliato contro Silvietto. Ah, senza considerare le pubblicità e gli annunci stampa degli altri Paesi (fatevi un’idea guardando questo).
Beh ma quando nel tuo curriculum ci sono più processi che legislature è il minimo che devi aspettarti, mi consenta.

Potrebbero interessarti anche:

Proposta di matrimonio choc: finge la sua morte in un incidente. Lei lo vede in una pozza di sangue ...
Adriano Celentano e i suoi piani per salvare il Paese. Ecco la lettera a Bersani che mette sotto sca...
Presidente della Repubblica, terza chiamata. Bersani lancia Prodi. Ma Pierluigi è uno stratega o un ...
Pesticidi nella pasta: Barilla e altre nella lista degli "Spaghetti Killer". Ecco tutte le...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*