Web — 15 ottobre 2013 19:29

Il cartone animato che ha scioccato e imbarazzato gli Usa. Ecco come torturano i detenuti di Guantanamo (VIDEO)

Di

Che Guantanamo sia una delle pagine più scure della storia Usa non è un mistero. Che a fare luce sia un cartone animato, però, è quantomeno curioso. Il cartone animato che state per vedere, pubblicato dal prestigioso The Guardian, mostra alcune delle torture che i secondini del carcere di massima sicurezza di Guantanamo Bay, effettuavano (è davvero il caso di usare il passato?) sui detenuti.
Non fatevi ingannare dai disegni e dai colori, qui non c’è nessuna canzone alla Disney e nemmeno un po di ironia stile Matt Groening. Il cartone animato sulle torture di Guantanamo è davvero un pugno nello stomaco.
Alcune tra le scene sono davvero impressionabili per cui, manco a dirlo, si sconsiglia la visione a un pubblico particolarmente sensibile.

Ma cosa succedeva davvero nel carcere di massima sicurezza di Guantanamo? (che, ricordiamo è stato istituito come simbolo alla lotto ad Alqaeda nel 2002, da Bush. A Guantanamo sono detenuti prigionieri catturati in Afghanistan e ritenuti collegati ad attività terroristiche). Le dichiarazioni di uno dei detenuti, riportate tra l’altro in un libro memoriale, non lasciano spazio a fraintendimenti. “Benvenuto all’inferno“, questa l’accoglienza di una delle guardie. Poi, secondo le dichiarazioni del prigioniero, torture, abusi, simulazioni di annegamento, violenza psicologica, privazione del sonno, torture fisiche.

Vien da sè che molti di voi potranno pensare “beh, se sei in un carcere di massima sicurezza qualcosina l’avrai pure fatta”. Qui però si entra nel terreno sdrucciolevole dei diritti umani. E il tutto senza considerare che delle 166 persone detenute a Guantanamo Bay ben 55 sono state definite “liberali”. Il presidente Obama ha più volte sottolineato l’esigenza di chiudere il carcere ma ancora nulla è stato fatto. Una ventina di prigionieri sono in sciopero della fame, molti di loro non mangiano da giorni e sono alimentati artificialmente o in ospedale. Vi lascio alla visione del cartone.

GUARDA IL CARTONE SULLE TORTURE DI GUANTANAMO

Potrebbero interessarti anche:

Mamma sbaglia a scrivere su Facebook. I carabinieri le invadono la casa di notte
Scopre su Facebook la morte della figlia. Madre sotto choc: "l'avevo sentita poco fa"
Facebook: il diario fallisce. Il social network cambia ancora, ecco come...
Anna Tatangelo e il suo dramma su Facebook: "ecco una mia foto senza trucco, ora sparlate!"...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*