Musica — 23 settembre 2013 17:44

Il maglione dello scandalo di Miley Cyrus e il suo esercito della morte. La triste storia dell’amica di letto di Topolino

Di

La si sente dovunque, soprattutto ora che  è diventata la colonna sonora di nuovi dispositivi mobili. Si chiama “Royal”  ed è il pezzo di Lorde che già negli Usa ha fatto faville. La canzone è questa mentre la cantante ha già avuto i suoi guai con i fan della beniamina d’America 2013 Miley Cyrus. Ve lo raccontiamo dopo il video.


Parliamoci chiaro: buona parte della popolazione mondiale conosce Miley Cyrus più “a fondo” del suo ginecologo. C’è chi potrebbe tracciare a memoria la mappa dei nei del suo corpo e chi riconoscerebbe il suo decollète (una finestrella più che un balconcino) tra centinaia di seni seconda misura. D’altronde, quando negli ultimi 30 giorni, in ordine, schiacci il tuo sedere sul basso ventre di Robin Thicke ai VMA, ondeggi completamente nuda a cavalcioni di una palla demolitrice e lecchi martelli nei video musicali non puoi certo stupirti se a fare notizia sono i tuoi seni e non i tuoi singoli. Così non fai in tempo a lasciarla Hannah Montana, ingenua e castigata, che la ritrovi su un palco intenta a mimare una qualsiasi posizione del kamasutra. Mi sono distratto un attimo e la pubertà di Miley Cyrus mi è passata davanti, non me ne sono accorto io e, probabilmente, neanche lei.
Rivoltata come un calzino da manager e discografici e al grido di “fatti sfondare se vuoi sfondare”, la Cyrus si è dovuta mettere al passo di Rihanna, Britney e le altre. Tutte belle ragazze che, con una fotocopiatrice accanto e una base sax su cui cantare in playback, confonderesti tranquillamente con un’attricetta di quei film lì.

L’ultima apparizione, all’ iHearth Festival di Las Vegas, è con un maglione bianco lungo fino alle ginocchia. Si, un maglione di rete, di quelli che si trovano negli armadi di tutti voi. Sotto solo un tanga e due adesivi neri sui capezzoli. Ah, e giusto per non farci mancare nulla ci mettiamo pure un microfono a forma di banana da portare alle labbra, così, giusto per non restare troppo sul “non detto”.
Manco a dirlo i commenti alla foto, rimbalzata da un blog all’altro, sembrano estratti da una sceneggiatura di un film a caso di Alvaro Vitali. Ma per fortuna ci sono i fan a sollevare Myley Cyrus…

Se Berlusconi aveva il suo personalissimo esercito della libertà, le bionde ragazzette con il diario delle Winx e il poster di Zac Efron nella stanza, sono le componenti dell‘esercito della morte di Myley Cyrus. Insulti, minacce, promesse di morte. Manco fossero hooligans ubriachi, le fan di Hannah Montana (ribattezzata da qualcuno Hannah Montata) sono pronte a mettersi contro chiunque ostacoli il cammino della Cyrus. L’ultima a farne le spese è Lorde, una ragazzina sedicenne che col suo singolo d’esordio, Royal, ha spodestato Miley dalla vetta della chart americana. “Pugnaleremo il tuo corpo in decomposizione” questo il messaggio lasciato dalle fan della Cyrus a Lorde.

Come vengono su bene sti ragazzi…

Potrebbero interessarti anche:

Picchiata per strada perché cantava il Pulcino Pio. La creatrice: “il pulcino Pio farà nuove canzoni...
Marco Mengoni tra Cremonini e i Take That: esce l'album #prontoacorrere. Ascolta alcuni brani in ant...
Concerti: partono i tour di Emma, Chiara e Marco Mengoni. Ecco le date e i biglietti
La proposta irrifiutabile di Emma ad Elodie: ecco tutti i dettagli
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*