Cronaca — 16 febbraio 2014 14:18

Krokodil, la droga che ti rende “uno zombie cannibale” arriva in Italia. Sequestrata a Padova. Il video choc della donna

Di

Si chiama Krokodil e molti di voi sapranno già di cosa stiamo parlando. Per tutti coloro che invece non sanno a cosa si riferisce questo simpatico nome che sembra quello di un’innocua merendina al cacao vi diciamo che la Krokodil è una pesantissima droga sintetica nata qualche anno fa in Russia. Facile da fare (Le Iene hanno mostrato un servizio in stile “Art Attack” in cui mostravano un pusher intento a fare il suo lavoretto), la Krokodil soppianta l’eroina (perché costa di meno e ha effetti più potenti e immediati) e si diffonde a macchia d’olio. Ma quali sarebbero gli effetti di cui sopra? I derivati della morfina impattano pesantemente sul sistema nervoso, si perdono i freni inbitori e si arriva perfino ad atti di cannibalismo (senza contare che la pelle si lacera e la carne si ritira). L’effetto zombie, poi, è confermato da andatura, espressione e postura. Noi vi mostriamo il video choc di una donna sotto effetto di Krokodil intenta a divincolarsi mentre la polizia cerca di fermarla.

 

Adesso la droga è arrivata anche in Italia. La prima partita sequestrata di cui si ha notizia era in possesso di una cameriera che lavorava in un ristorante di lusso di Padova (ma si, facciamoli sti nomi: Monica Ioana Balaban, trentatrenne impiegata del ristorante “Belle Parti”). La donna era in possesso di mezzo chilo di Krokodil e si trova adesso agli arresti domiciliari.

Potrebbero interessarti anche:

Tutta la verità sul tronista morto. Quello che non sapete su questa drammatica, assurda storia
I Grillini hanno salvato la faccia e B. trema. Elezioni presto o si va in malora
Bersani in corsa per un modello siciliano a Roma. Due giorni per trovare la quadra
I grillini scelgono i 10 candidati alla carica di Presidente della Repubblica: tra loro una conduttr...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*