Dal mondo — 17 gennaio 2014 14:09

La foto dell’uomo senza glutei. Trash on line al sapore di dramma

Di

Mi disprezzo per questo. Davvero, sono colpi bassi alla percezione che ho di me, ma dovevo farlo. Dovevo postarvi la foto dell’uomo senza glutei (e il fatto che io non stia usando il termine “chiappe” prendetelo come una vana speranza di innalzare il contenuto). Si è vero, è la cosa più trash mai scritta e pubblicata dal romanzo “Amore 14″ di Federico Moccia. E si, lo so, non tutto quello che succede nel mondo deve essere approfondito o raccontato. Ma io non ce l’ho fatta.

Lui, l’utente, ha deciso di condividere col resto dell’umanità la foto del suo deretano. Sentiva l’esigenza di farlo, il mondo doveva sapere.
Così si è messo di spalle, ha preso il suo smartphone e ci è andato di Selfie. Poi ha pubblicato tutto su Reddit, una community online abitata per lo più da scappati di casa. Il suo nickname è TBoneTheOriginal e tutti hanno subito pensato a una bufala. “Ma no, è un ombellico!”, “Figuriamoci si sta tirando le chiappe!” (che poi cosa vuol dire?).
E invece, a quanto pare, è venuto fuori che l’amico snaticato c’ha una storia alle spalle… cioè, un vissuto, da dramma. Una roba che manco la De Filippi al sabato sera. “”Mi sono sottoposto a diversi interventi chirurgici per colpa di cisti dolorose tra le natiche” ha detto. “Le cisti facevano così male che il chirurgo plastico che mi ha operato ha dovuto chiudermi le natiche”.

Ora, se sia vero o meno, io non lo so (ma ho dei fortissimi dubbi). So solo che c’è sta foto che dovevate vedere. Poi fate cio’ che volete: amatelo, accusatelo, richiedetegli l’amicizia…

Potrebbero interessarti anche:

Giappone: nasce il casco della seconda realtà. "Confonde chi lo indossa, indistinguibile"
La donna che allatta il suo cane per due anni. Ecco la storia di Terry Graham
Topo morto nei fagiolini Carrefour. I dettagli e la foto
Morire per un assorbente interno. Natasha e lo choc tossico da tampone
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*