Musica — 3 luglio 2013 12:12

Maxi rissa di gruppo al concerto di Robbie Williams, uomo a terra – VIDEO

Di

Ammettiamolo: la scena è surreale! Ve lo immaginate un bel calcio sulle gengive sulle note di “Angel” o una ginocchiata negli zebedei mentre Robbie Williams canta la dolcissima “She’s the one”? E’ quello che è accaduto lo scorso 30 giugno allo stadio di Wembley durante il concerto di Robbie Williams.
Pensate, uno va a pagare 300 euro di biglietto (questo il ticket del concerto) e viene per giunta gonfiato come una cornamusa scozzese.

A scatenare la maxi rissa è stata una birra volata sulla testa di uno spettatore. Una piccola scintilla doppio malto che ha scatenato un vero e proprio inferno. Lo stadio di Wembley è diventato un’arena e i fan dei cattivissimi gladiatori. Decine di ragazzi ma, soprattutto ragazze, in un vortice di calci e pugni. Ad avere la peggio, lo si vede chiaramente nel video che vi propongo poco più in basso, un uomo con la maglietta rossa che ne è uscito malissimo (e ci credo io, lo pestavano mentre era a terra).

È dovuta intervenire la security per placare gli animi e per bloccare, con la forza, quelle stesse dolci ragazzine che in cameretta hanno il poster del loro beniamino. Cosa abbiamo imparato da questa lezione? Che troppa birra dà alla testa. Non ditelo a Robbie Williams, lui è una vita che dice di preferire la droga. Sappiate che se sua figlia dovesse strafarsi fino a perdere i sensi lui è con lei. Lo ha detto lui. Bravissimo Robbie, anzi, Supreme!

Potrebbero interessarti anche:

Marco Carta "schiaccia" il pulcino Pio. "Necessità lunatica" strizza l'occhio al...
Video: Gangnam Style Flash Mob, in 9000 in piazza. Ecco chi è PSY, il rapper coreano dei record
Chi vincerà Amici? Ve lo dice Itunes. Lotta tra Moreno e Verdiana
Carmen Consoli: "è nato Carlo Giuseppe, sono una mamma felice!". Malelingue sul padre
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*