Dal mondo — 7 agosto 2012 14:23

McDonalds: bimbo rischia la vita per una patatina (video)

Di

SIDNEY: Mia madre lo afferma da tempo: Mc Donalds è il male assoluto. Secondo solo a Facebook nel portare la tua anima alla perdizione e il tuo corpo al lento e inesorabile declino. Ora, con il video appena pubblicato del bambino quasi stroncato da una patatina, come fronteggiare la genitrice?
Ironia a parte, a Sidney, in Australia, si stava consumando una tragedia all’ombra di Ronald McDonald. Un bambino di 14 anni, Nevaeh, dopo aver messo in bocca una patatina stava rischiando di morire soffocato.

L’intero fast food si è mobilitato in una straziante corsa contro il tempo. Lo staff di McDonald ha appoggiato il bambino sul bancone e, con Emergency al telefono che dava istruzioni, ha eseguito la manovra. Appena in tempo, considerando che il bambino stava già diventando cianotico. L’intera scena è stata documentata dalle telecamere di sorveglianza ed oggi è finita sul web dove già rimbalza da un portale all’altro. Noi ve lo proponiamo qui, direttamente dal sito di Repubblica.

E la grande M cosa fa? Premia tutti i dipendenti eroi del fast food e ancora una volta casca in piedi. Diventa icona della carità umana, simbolo della meritocrazia mondiale. Che non sia stato proprio il fast food a divulgare il video? Beh, succede solo da McDonalds…

Potrebbero interessarti anche:

La prima macelleria di carne umana apre a Londra. Ecco "Wesker and Son"
Panico in Olanda, pulsante misterioso spunta in piazza: omicidi, esplosioni e uomini nudi dopo averl...
Panico a bordo finisce su Youtube: ecco il video che non vi farà più salire su un aereo
La bara con gli stivali che escono di fuori. Ecco chi c'è dentro
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

0 commenti su “McDonalds: bimbo rischia la vita per una patatina (video)

  1. Pingback: McDonald’s diventa vegetariano. Le “mucche sacre” indiane non si toccano | Linkuietudine

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*