Dal mondo — 26 aprile 2013 15:41

Mostro di Brooklyn: cominciano a spuntare le prime ipotesi sulla strana creatura ritrovata

Di

Anche Brooklyn ha finalmente il suo mostro. E non se ne parla più. La testimonianza fotografica arriva da una certa Denise Ginley che, mentre passeggiava sull’East River con il fidanzato, si è imbattuta in una stranissima creatura stecchita al sole, sulla sabbia, esattamente nei pressi del ponte di Brooklyn. I due, esterrefatti, hanno scattato una foto col cellulare e l’hanno postata in rete, quindi, nel mondo. L’immagine è rimbalzata da un sito all’altro tanto che la strana creatura è stata già ribattezzata Manhattan rat monster. Un nome quindi, che sembra far pensare a un topone malformato. Ma si tratta veramente di questo?

Il brillante Vickie Carp, portavoce per il Dipartimento dei Parchi, avrebbe parlato di un “maiale cotto e poi abbondonato”. Peccato che del maiale, la creatura in questione non abbia proprio niente. Secondo altre ipotesi si tratterebbe di un roditore, forse un procione, o addirittura di un piccolo cane ormai decomposto a causa della lunga permanenza in acqua (ipotesi questa portata avanti da un’illustre medico della zona). Ma chiamare un biologo no?

In realtà, le zampe con 5 dita (quasi umane), la coda da rettile e il colore della pelle non sembrano sposarsi bene con nessuna delle ipotesi di cui sopra. Allora di cosa dobbiamo parlare? L’immagine risalirebbe addirittura a diversi mesi fa ma la vicenda sembra essere stata insabbiata.

Potrebbero interessarti anche:

Il bimbo con la coda che se tagli ricresce. La mamma: “aiutatelo”
Lo spaventoso edificio più grande del pianeta. Inaugurato in Cina, guarda cosa c'è dentro e fai un t...
Cina shock: moglie abusata per mesi fa a pezzi il marito e lo bolle in pentola. La figlia la aiuta
Scala mobile crolla in Cina, mamma muore ma salva il figlio - VIDEO
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*