Dal mondo — 19 giugno 2013 13:04

Occhio alle infradito: in giro sandali “cancerogeni” che ustionano il piede

Di

Ora che l’estate è arrivata e che i vostri piedi hanno riacquistato la tanto agognata liberta, fate attenzione. Passare dall’opprimente calzino di spugna al pericolosissimo infradito cancerogeno è un attimo. Così, prima di mettere l’estate tra l’alluce e l’indice ricordatevi di guardare la provenienza dei vostri sandali (praticamente come farete con le mozzarelle).

Impresa assai ardua quella di trovare un infradito che non provenga dalle terre del Sol Levante, a meno che, questo è chiaro, non siate disposti ad accendere un mutuo per indossare le griffe del made in Italy. D’altro canto, risparmiando con le infradito cinesi, non accenderete il mutuo di cui sopra ma accenderete il vostro piede di un bel rosso vivo (o meglio, morto). Le foto che vedete mostrano degli orribili piedi irritati e addirittura scarnificati ridotti così per delle infradito realizzate con sostanze tossiche per l’organismo come il pericoloso cromo esavalente, la cancerogena formaleide e altri coloranti e ammine aromatiche pericolose per la salute.

80mila, fin ora, le infradito sequestrate dalla Guardia di Finanza. Considerate che, il cromo esavalente, che non dovrebbe mai superare gli 0.5 mg per Kg, era presente in una quantità enorme: ben 124 volte quella consentita! Ora, senza farci prendere dal panico, guardiamoci bene dagli acquisti che facciamo ma se trovate nel vostro ipermercato di fiducia, uno stock di infradito fuxia in promozione, senza arte ne parte (e neanche marca) non guardatele con troppo sospetto.

 

Potrebbero interessarti anche:

Madrid: protesta choc degli animalisti, tutti in piazza con centinaia di carcasse animali
Le superstar mondiali ai tempi in cui erano cheerleader
Il video dell'uomo che cade dalla giostra: 10 giorni dopo arriva la verità
Il video dell'uomo incastrato tra le porte della metro. Il treno riparte e il salvataggio è in extre...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*