Cronaca — 12 dicembre 2012 15:22

Pizze Buitoni ritirate dal mercato italiano. L’allarme è partito in Germania

Di

Vada per la minestra di pollo, posso accettare i detersivi, il Nesquik è stato un brutto colpo, è vero, ma la pizza proprio no! L’ennesimo prodotto ritirato dal mercato è la classica pizza surgelata da single del lunedì sera, un prodotto acquistatissimo.
Buitoni, in via precauzionale, ha ritirato le sue “Creazioni di Casa Buitoni”, in particolare parliamo delle varietà “Mozzarella, provolone e pomodorini”, “Spinaci e armonia di formaggi”, “funghi e armonia di formaggi”.
L’allarme è partito dalla Germania, due coniugi tedeschi, infatti, hanno reclamato per il ritrovamento di alcuni corpi estranei di metallo all’interno della pizza acquistata. Tutte le pizze con scadenza compresa tra Giugno e Novembre 2013 sono state ritirate dal mercato tedesco. Ma la Buitoni ha deciso di ritirare i prodotti anche per il mercato italiano.

In un comunicato stampa diramato da Nestlè (ricordiamo che Buitoni fa parte di questo gruppo), l’azienda scrive di non aver ricevuto alcun reclamo in terra italica ma di aver ritirato i prodotti solo in via cautelativa.
Evidentemente il mercato tedesco e quello italiano appartengono allo stesso gruppo di distribuzione, o allo stesso stoccaggio di merce. Poco importa, il ritiro delle pizze in via precauzionale è cosa buona e giusta. Non sia mai che tra un’armonia di formaggi e una di funghi ci entri in mezzo una bella stecca di ferro.
Adesso toglietemi pure i Sofficini e mi ciberò solo di bacche e radici.

 

Potrebbero interessarti anche:

Video choc: deputato abusa della donna delle pulizie in un'aula del Parlamento
Prete che coprì 129 casi di pedofilia và al conclave a eleggere il Papa. Rabbia tra i cattolici: “ha...
Quelle sospette società in Costarica e il resort di lusso dell'autista di Beppe Grillo
Cibi shock: nei supermercati arrivano la Nutella alla marijuana e il Nesquik alla fragola con la &qu...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*