Dal mondo — 3 febbraio 2013 12:50

Popstar giapponese non può fare l’amore. Scoperta dai discografici si rasa i capelli e chiede scusa su Youtube (VIDEO)

Di

In Giappone, se sei una popstar devi stringere saldamente la cintura. Niente sesso, niente amore, perchè tu – cantante da 88 milioni di dischi venduti – appartieni solo al tuo pubblico che deve pensarti libera e disponibile. Questa, in soldoni, la clausola  principale del contratto firmato dalle Akb48, un gruppone formato da 92 ragazze che gira il mondo (l’ultimo concerto a New York) sfornando una hit dietro l’altra.

Se avete mai visto uno di quei manga un pò osè prodotti nella Terra del Sol Levante (e sappiamo benissimo che si tratta di una domanda retorica) vi sarete accorti per la fissazione dei giapponesi verso la figura della lolita in uniforme scolastica (quasi sempre composta da un grande fiocco che copre il seno e una minigonna diversi centimetri più corta delle mutande). La studentessa tipo va in giro come una pornostar ma le si arrossano le gote alla sola vista di un essere maschile. Una pornoillibata, una geisha pronta all’uso. Ecco, è così che le Akb48 vengono viste dal pubblico giapponese, senza contare l’assurdità di un gruppo formato da più di 90 elementi nato allo scopo di rimandare al concetto di Harem (parliamoci chiaro: come dovrebbero entrare 90 persone nella copertina di un cd e come dovrebbero dividersi i 3 minuti di una canzone?). Ad ogni modo, tra le fila delle Akb48 pare esserci una traditrice: la popolare Mii-chan, ragazza ventenne, sorpresa dal giornale scandalistico Shukan Bunshun (una sorta di Di Più Tv del Giappone) mentre usciva dal portone di Alan Shirakawa, altro componente di una boyband molto popolare, i Generations.

Inutile dire che il produttore Yasushi Akimoto, che ha messo su la band (e le rigide regole) nel 2005  non l’ha affatto presa bene. Mii-chan, in preda alla disperazione, si è rasata i capelli (gesto di penitenza tipico nel mondo orientale) e ha postato un video di scuse, in cui appare in lacrime, nel canale ufficiale Youtube della band. “Nessuno mi ha costretto, l’ho fatto di mia volontà” dice tra i singhiozzi. “So che rasarmi i capelli non basterà ma non voglio uscire dalla band). Il video, visto 7 milioni di volte, ha fatto il giro del mondo suscitando reazioni contrastanti. C’è chi invoca il diritto delle ragazze ad avere una vita privata e chi invece giudica giusta la punizione perchè “se ci sono delle regole vanno rispettate”.
Già, la punizione. La popstar non è stata eliminata dalla band ma è stata retrocessa a kenkyu-sei (praticante). Si limiterà a sgambettare in ottava fila mentre le front girl si prenderanno il palco.
Immaginate se questa regola dovesse avere validità in tutto il mondo. Le varie Katy Perry, Rihanna e Britney Spears non avrebbero un pelo nel corpo da decenni.
GUARDA IL VIDEO

Potrebbero interessarti anche:

l microchip nel Kit Kat che ti geolocalizza. Raggiunto da un elicottero entro 24 ore
Storie da cani: polizia blocca carne di cane per ristorante. In Argentina topi dopati venduti come b...
H041: è il nuovo AIDS ma ancora più letale. “Nessuna cura”
I Samsung S3 che esplodono. La foto di Fanny: "mi è esploso in tasca, ustione di 3° grado"...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*