Cronaca — 19 febbraio 2013 09:51

Prete che coprì 129 casi di pedofilia và al conclave a eleggere il Papa. Rabbia tra i cattolici: “ha le mani sporche”

Di

A pochi giorni dal“grazie e arrivederci” di Benedetto XVI, tra poco nuovamente solo Joseph Ratzinger, si scaldano i 117 grandi elettori chiamati a scegliere il nuovo Pontefice. Tra i cardinali chiamati a produrre fumate bianche, ecco spuntare a sorpresa il nome di Roger Mahony, una bomba atomica in mezzo a Piazza San Pietro, altro che “Angeli e Demoni”.
Mahony, ex arcivescovo di Los Angeles, il prossimo 23 Febbraio sarà chiamato a deporre in tribunale. L’accusa è quella di aver insabbiato 129 casi di pedofilia da parte di sacerdoti e, per questo, Monsignor Josè Gomez, suo predecessore, ha già provveduto a sollevarlo da tutti gli incarichi.

12 mila pagine di documenti pesano sulla testa di Roger Mahony e così, a circa 20 giorni dalla sua partenza per Roma, parte l’indignazione popolare. Un gruppo di cattolici americani, la Catholics United, ha lanciato una petizione per impedire che l’ex arcivescovo di Los Angeles possa essere investito di tale ruolo. Per Manuel Vega, un ex poliziotto che da chierichetto fu molestato da Padre Fidencio Silva, ha dichiarato che il cardinale ha “le mani sporche” e al suo posto ci debba essere una sedia vuota.
“Negli ultimi giorni mi sono trovato ad essere umiliato molte volte” ha detto Mahony. “Sono stato affrontato in più di un luogo da gente molto infelice. Posso capire la loro rabbia nei miei confronti e nei confronti della Chiesa”.

Potrebbero interessarti anche:

Paparazzo di Justin Bieber muore davanti la sua auto. Ultimo flash alla Ferrari bianca
Berlusconi e il voto di tasca, Bersani e Monti per la testa, I Fratelli d’Italia pensano al di dietr...
Allarmi alimentari: la pericolosissima Farina 00, ecco la vera “polvere bianca” letale
Urina e calci: l'esercito nazista che "purifica" i gay. Ecco le loro trappole e i passanti...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*