Web — 17 novembre 2013 17:21

Quelli che restano intrappolati all’Ikea. Il video virale della settimana

Di

Intrappolati all’Ikea. No, non è il classico sabato pomeriggio del marito medio italiano ma uno scherzo virale organizzato un duo comico norvegese che in questi giorni sta letteralmente spopolando sul web.
Già, penserete, come se non bastasse sentirsi già abbastanza in trappola tra commessi vestiti di un giallo accecante, prodotti impronunciabili che a solo nominarli rischiano di far saltare un ponte dentale e le famose polpette che personalmente hanno sul mio stomaco lo stesso effetto di pallini di piombo, quelli che si sparano ai conigli nani, e che probabilmente il regime di Assad sta prendendo in seria considerazione come pezzo forte dell’armamento batteriologico.

Il concept dello scherzo è tanto semplice quanto efficace (non si tratterà dell’ennesima campagna marketing di Ikea?): alcune persone, entrate in uno dei tanti spazi arredati dello showroom, vengono chiuse all’interno attraverso una parete mobile coperta da una tenda.  I malcapitati si trovano così come cavie di laboratorio in preda a labirintite dentro lo spazio di pochi metri quadri, incapaci di uscire. Ma ecco la genialata, quell’elemento che più di ogni ricerca antropologica o sociodemografica rivela in pieno l’essenza di ogni essere umano:  nello spazio arredato entra una ragazza e le vittime si chiedono da dove sia sbucata fuori. Nessuno di loro, però, ha il coraggio di chiederlo direttamente e di svelare così l’assurda situazione in cui sono trovati.
Vi lascio al video. 

Potrebbero interessarti anche:

Facebook prepara il Messenger per le chiamate gratis sul social network. Skype trema
Lui è la peggiore persona dei social network. Scopri perché il mondo odia il piccolo Lavish
Il video virale della fermata del bus che vi lascerà senza fiato
Quale delle 9 intelligenze usi e chi è il tuo Spirito Guida? Scoprilo
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*