Cronaca — 3 gennaio 2014 16:52

Reggio Emilia: si rifà il pene ma gli “esplode” durante un rapporto

Di

In tutto questo una buona notizie c’è. Potete smetterla di tenere ben stretta quell’asciugamano in vita. Dopo il calcetto, negli spogliatoi, potrete andar fieri del vostro nuovo gioiello. Il pene si può rifare esattamente come una tetta cascante o un fianco invadente. Il rischio però è quello di un risultato esplosivo. Ditelo a un camionista emiliano sessantenne che, dopo le promesse miracolose di un medico, si è fatto iniettare del Macrolane, una sostanza gelatinosa usata in chirurgia, per avere maggiori dimensioni.

L’amico emiliano non ha perso tempo e ha deciso di testare subito il risultato.  Nel bel mezzo dell’amplesso però ecco sentire un botto. Poi un grande dolore. Risultato? Una ” esplosione” con prognosi di 40 giorni per infezione  ”con estrusione del gel da flogosi dell’asta peninea“, che per dirla in parole povere significa le pene dell’inferno (e non uso questa parola a caso)  in ogni momento del giorno e della notte.

Secondo quanto riportato da “Il Resto del Carlino”, l’uomo avrebbe denunciato il suo medico, una donna rumena collaboratrice di una clinica milanese molto nota. La dottoressa non solo non avrebbe seguito il paziente nella fase post operatoria ma non avrebbe informato l’uomo nemmeno degli eventuali effetti collaterali, delle cautele da prendere dopo l’intervento e non si sarebbe nemmeno curata di sconsigliare l’operazione considerando che, a quanto pare, le misure dell’uomo sarebbero state assolutamente nella norma.

L’uomo, che aveva proposto di andare a processo, si è infine accordato per un risarcimento. Pochi centimetri in più (poi esplosi) per avere in cambio 8mila euro.

Potrebbero interessarti anche:

La vita di un grillino al parlamento: pranzi da casa al posto del ristorante e bici invece delle aut...
Stampa tedesca: “Grillo è l’uomo più pericoloso d’Europa”. Gli inglesi: “come Mussolini”
L'imbarazzante video trash del Movimento 5 stelle che ha sconvolto la rete (e i grillini)
Non si fa fotografare, poliziotto la spinge in cella. Cassandra sfigurata, le ossa del viso rotte. V...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*