Cinema — 13 luglio 2013 17:21

Sharknado “blocca” l’America da giovedì. “Il peggior film della storia”. Scopri il fenomeno e guarda il trailer

Di


Se pensavate che peggio dell’Arcuri che recita in napoletano non potesse esserci nulla sappiate che vi sbagliate. Gli americani ci hanno battuto di nuovo e lo hanno fatto con “Sharknado“, il peggior film della storia del cinema dai tempi dei fratelli Lumiere. Ancora più imbarazzante di “Alex l’ariete”, più demenziale di una commedia con Massimo Boldi, più trash di una puntata di Domenica Cinque. A decretarlo gli utenti di Twitter che hanno reso “Sharknado” un fenomeno social senza precedenti. Mentre il film andava in onda, migliaia di utenti si sono riversati in rete a commentare le ridicole scene realizzando numeri incredibili: 5000 tweet al minuto. Ma cosa avrà mai questo film per mobilitare l’America da giovedì?

Beh, potreste cominciare a farvi un’idea se pensate che il titolo, Sharknado, è un originalissimo neologismo coniato dall’unione di shark (squali) e tornado. Va da sè, quindi, che la trama è la seguente: un tornado si abbatte sull’oceano Pacifico e risucchia nel suo vortice migliaia di squali come non ne esistono al mondo, salvo poi abbatterli nella classica metropoli cittadina dove il padre divorziato di turno cerca di riconquistare la fiducia del figlio. Beh, cosa può esserci più pericoloso di uno squalo? Manco a dirlo, uno squalo che vola. E così, come è giusto che sia, gli squali piombano dal cielo ma, invece di morire di crepacuore o di essere totalmente terrorizzati per il fatto di essere in balia di un tornado, fuori dal loro elemento naturale, ne approfittano e mangiano, al volo, tutto quello che gli capita a tiro mentre la bora gli fa fare un giro turistico della città.

90 minuti di effetti speciali low cost e di dialoghi imbarazzanti (“si sono presi mio nonno, per questo odio gli squali“). Anthony Ferrante, il regista del film, un uomo che non conosce vergogna, è andato petto in fuori e culo in dentro a rispondere trionfante alle interviste del giorno dopo. «Gli squali funzionano e anche i disastri funzionano. Mettili insieme e ne tirerai fuori qualcosa» ha detto. Poi, ha proseguito: «nessuno mi ha ancora chiamato per il sequel, ma non sarei stupito se succedesse a breve. Voglio dire, cosa fai dopo Sharknado? Devi alzare la posta». Alzare la posta??? Mi auguro sia un pacco bomba. Vi lascio al trailer, preparati i fazzoletti. Si piange!

Potrebbero interessarti anche:

I 3 film che prenderanno il posto di Twilight. Zombie, streghe e alieni nei cinema di Breaking Dawn
Il capolavoro della Disney candidato all’Oscar sbarca in rete. Ecco Paperman, il corto poetico da 1m...
Ecco Frozen, il nuovo film Disney di Natale. Guarda il bellissimo trailer
20 cose sui film Disney che dovete assolutamente sapere
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*