Musica — 3 ottobre 2012 18:05

Si aggrava Vasco Rossi, poi muore, anzi no. I medici: “si è dimesso contro la nostra volontà”.

Di

Da un po’ di tempo a questa parte, due cose si dicono insistentemente sul conto di Vasco Rossi. La prima è che ormai parla solo dal suo profilo Facebook, la seconda è che stia maluccio e, questa seconda tesi, trova conferma nei continui andirivieni dalla clinica di Villalba.

Il mese scorso, lo ricorderete, Vasco era stato trasportato con l’elicottero in clinica. Un malore accusato durante una vacanza disse qualcuno, semplici controlli di routine replicò qualcun altro.
Oggi, a distanza di giorni, si torna a parlare del rocker e delle sue condizioni di salute e, manco a dirlo, a mezzo Facebook.

Vasco rossi NON sarà dimesso domani. La situazione pare non sia buona” scrive Noè Radio Kiss Kiss dal suo official profile.
Vasco Rossi SARA’ dimesso domani. Ancora convalescente ma vivo” replica Anna Pettinelli da RDS e dal suo profilo.
Ma poi Vasco si ammala e muore (per la nona volta).
A smentire è di nuovo la Pettinelli by Facebook: “Gira una voce destituita di ogni fondamento sulla morte di Vasco Rossi. È una bufala! Non diffondetela!”. Ma qual è la verità?

Vasco sarebbe uscito dalla clinica ma, a sentire Paolo Guelfi, direttore sanitario della clinica, sarebbe dovuto restare decisamente più a lungo. “Era necessario riattivare una terapia di non brevissimo periodo”.
A destra smentite, a sinistra conferme. Noi andiamo dritto e, qualora dovessimo incrociare notizie ufficiali sulla nostra strada, ve le forniremo.

Potrebbero interessarti anche:

Mtv Music Awards, nomination: Rihanna sbanca tutto
Malore per Vasco Rossi. Corsa in elicottero e ricovero
Justin Bieber vomita sul palco nel bel mezzo di un concerto. Piccoli ometti crescono...
Classifica FIMI: Emma e Pink ancora in vetta. Cade Mengoni, precipita Annalisa. Torna PSY
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*