Cronaca — 24 ottobre 2012 14:37

Torna da “C’è posta per te” e si suicida

Di

No, non era stato rifiutato. Nessuna busta chiusa in faccia, nessun abbandono dello studio. Giuseppe Sampogna, settantreenne di Avigano, aveva preso parte a una registrazione di “C’è posta per te” in qualità di spettatore.
Stava tornando a casa insieme a una comitiva di amici, tutti facenti parte del pubblico, quando l’autobus su cui viaggiava ha deciso di fare una sosta all’autogrill di Anagni.
Non è ancora chiaro cosa sia scattato nella testa del pover’uomo che, improvvisamente, ha deciso di staccarsi dal resto del gruppo e di percorrere a piedi l’autostrada A1.
Sampogna è stato travolto da una Libra guidata da un cinquantenne di Velletri, per poi ricadere al suolo e venire investito più volte da diverse altre auto. Purtroppo gli agenti venuti in soccorso non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’uomo.Sentiti dalle autorità, gli amici di Sampogna hanno dichiarato di non essersi accorti dell’allontanamento volontario della vittima. Nessuno di loro ha mai notato dimostrazioni di malessere prima e durante il viaggio.
La dinamica dell’incidente, per certi versi ancora poco chiara, è ora al vaglio degli agenti della Polizia stradale di Frosinone. Il corpo della vittima invece, è stato trasportato all’Istituto di Medicina Legale della stessa città.
La notizia è stata ripresa da diversi siti di informazione online.

 

 

Potrebbero interessarti anche:

Energy drink: 18 morti e 150 ricoveri. Attenti a queste bibite…
Colpo di scena al processo Scazzi. Michele Misseri: "ho ucciso Sarah, mentivo perchè ero drogat...
Ecco come hanno annunciato l'elezione del nuovo pontefice nel mondo.
Reggio Emilia: si rifà il pene ma gli "esplode" durante un rapporto
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*