Tv — 23 gennaio 2013 11:31

Trovato Fabrizio Corona: si è arreso a Lisbona. Ecco le dichiarazioni della Polizia portoghese

Di

L’avevano cercato ovunque: dentro un plastico di Bruno Vespa, tra le tette della Minetti, nel parrucchino di Berlusconi. “Forse è a Miami”, “no è a Quarto Oggiaro, l’ha scritto su Facebook”. La telenovelas di Fabrizio Corona era diventata più avvincente di una puntata dei Ris. E lui, diventato il secondo latitante più ricercato d’Italia (no, dico, c’è gente che ammazza), ci ha ricamato su una bella storiella. Giochetti, tranelli, depistaggi ad opera dell’autista che si geolocalizza sui social network su un finto cellulare, persino le dichiarazioni della Tommasi (che ha sempre qualcosa da dire) : “io l’ho sentito, mi ha telefonato”. Coronanonperdona ha impostato l’intera vita sull’attenzione pubblica, l’esposizione mediatica e le cifre a sei zeri che ne derivano. Perfino la fuga da criminale ricercato è diventata una buona esclusiva di vendere, pane per i denti smaltati di Barbara D’Urso che – a questo punto – ci costruirà l’edizione inverno-primavera di Pomeriggio e Domenica Cinque. Perché si, Corona è stato trovato, la sua fuga è finita in Portogallo, a Lisbona.

L’Huffington Post ha scritto che “Corona si è costituito a Lisbona” ma, poco dopo, sono le stesse forze dell’ordine portoghesi a precisare che Fabrizio Corona si è arreso. Il paparazzo dai cento tatuaggi si sarebbe visto braccato, circondato e senza via di fuga. La Polizia di Stato era sulle sue tracce già da alcuni giorni e Corona, a questo punto, avrebbe solamente anticipato l’arresto.

Per Fabrizione si spalancano quindi le porte del carcere. Ma anche le pagine di un libro, i diritti di una fiction e qualche intervista in esclusiva. Con Don Mazzi, naturalmente.

Potrebbero interessarti anche:

Finale di X Factor: Cixi esce alla prima. Mistero Frères Chaos fuori dall'Enel Choice. Riassunto ser...
Prediciottessimo, anche Alessandro Cattelan fa il teenager
La rabbia di Belen per il ciuccio di Santiago. Deliri di un'argentina
Looking, HBO cancella il telefilm ma prepara un film: addio a un prodotto culturale
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*