Dal mondo — 3 settembre 2012 14:25

Video: Il Pulcino Pio “copiato” dal brasile. Ecco il video originale tra galline e viado

Di

Il pulcino Pio fa male. È assodato.
Vi abbiamo già raccontato del pestaggio pugliese scatenato dal tacchino che fa “glugluglu” e dio solo sa quante altre vittime ha mietuto il maledetto volatile. Irritazione, frustrazione, repressione, Pio è una macchina del male e noi, che siamo bravi a dare la colpa agli altri, adesso abbiamo l’occasione giusta per farlo.
Sarebbero stati i brasiliani ad aver dato i natali al maledetto tormentone. Il “Pintinho Pio”, canzonetta cantata da un ragazzino di 11 anni, è pari pari identica alla versione rilasciata da Radio Globo e resa celebre da Radio Deejay. Certo, sembra un pezzo dei Tribalistas e l’andazzo in stile salsa rende il pezzo pronto per il Carnevale di Rio, ma ritmo e musicalità sono identici.
Persino la maledetta sequenza vede gli stessi protagonisti: gallina, gallo, tacchino fino ad arrivare a capre e pecore ma passando per l’esclusivo “taxi che fa che uaouao” mi sostituisce il fatal trattore (benedetto sia lui).

Colpo di scena: Il Pintinho Pio mi diventa ammiccante con la presenza dell’ultimo personaggio. Trattasi di un viado che fa “ahiahi” manco fosse Maurizia Paradiso.
Insomma un pezzo per bambini, cantato da un bambino che parla di un viado. Siamo alla frutta.
E noi italiani? Agli occhi più attenti non sarà sfuggita la nota “adattamento testo” nel video ufficiale del pezzo (esattamente a 2.48 minuti). Intanto però, il Pulcino Pio ha fatto i milioni e non si scolla dalla prima posizione dei singoli più venduti e scaricati.
No dico, ma ho davvero perso tutto questo tempo a fare l’analisi di una canzone come questa?

Potrebbero interessarti anche:

La donna che allatta il suo cane per due anni. Ecco la storia di Terry Graham
Giappone: in vendita la coda da indossare che si controlla col pensiero. Guarda come funziona "...
Governo cinese: "polli malati nei panini di McDonald's". In un panino la coda di un topo, ...
Jacqui Beck, la bellissima diciassettenne inglese senza vagina. La sua storia
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*