Web — 25 marzo 2013 12:23

Video pedofilo su Facebook: 16mila condivisioni e 4mila Mi Piace. Zuckerberg sotto shock

Di

Uno scandalo di proporzioni epiche si è abbattuto su Facebook, il colosso del socialnetworking che sembra non trovare pace. D’altronde quando si lascia piena libertà all’utente di pubblicare ciò che vuole, quando vuole, i rischi sono sempre dietro l’angolo. Lo sa bene l’amico Mark Zuckerberg che per l’ennesima volta ha dovuto elargire scuse a una platea di tre miliardi di persone. Il fatto d’altronde, le merita tutte.
Un video pedopornografico sarebbe apparso su Facebook nella giornata di ieri. Secondo alcune fonti di informazioni britanniche il video avrebbe come protagonista un uomo adulto che abusa di una bambina. Se siete già sdegnati aspettate di sentire il resto.

In un paio d’ore il video si è diffuso in modo virale nelle bacheche di migliaia di persone. 16mila condivisioni, 4 mila Mi Piace. Numeri spaventosi che danno la misura di un pericolosissimo fenomeno sociale. Come è possibile che migliaia di pedofili abbiano così chiaramente spiattellato la loro identità condividendo il video in rete? Probabilmente, una buona parte delle condivisioni è imputabile ad utenti indignati che hanno fatto circolare il video richiedendo la segnalazione, con conseguente rimozione, a Facebook. In questo modo però, un numero di persone enorme ha esattamente fatto il gioco dell’autore.

Il video è stato rimosso da Facebook nel giro di un paio di ore.  ”Tolleranza zero contro la pedopornografia – ha dichiaratolo staff di Facebook -la tempestiva segnalazione di questo contenuto ci ha consentito di rimuoverlo il piu’ rapidamente possibile. Facebook non tollera in alcun modo la presenza di contenuti pedopornografici e siamo determinati ad adottare ogni provvedimento per prevenire la pubblicazione di questo tipo di materiali”.

Potrebbero interessarti anche:

Il 2012 di Facebook: Song Pop il più giocato, David Guetta il più ascoltato, migliaia di Mi Piace su...
Il potere del popolo online: Flavio Briatore fatto a pezzi su Twitter blocca tutti e dice "Siet...
(Brutti) Fenomeni web: il video di Valerio Scanu nudo nella vasca. Le imitazioni trash diventano vir...
Facebook Search FYI: il social introduce il motore di ricerca e sfida Google. Le notizie le fanno i ...
  • Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
ANNUNCI ARUBA MEDIA MARKETING

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*